Ringiovanimento Mani


Nell’ultimo ventennio la chirurgia e la medicina estetica hanno fatto passi da gigante nell’affinare tecniche sempre meno invasive, nell’utilizzo di materiali sempre più innovativi e perfettamente integrabili con i nostri sistemi biologici, nel raggiungere risultati sempre migliori e soprattutto sempre più naturali.

Come conseguenza di ciò l’invecchiamento del volto é notevolmente rallentato ed i visi, ad eccezione ovviamente di eccessi, mascherano notevolmente l’età anagrafica dei pazienti.

A questo spesso non fa seguito tuttavia una cura altrettanto attenta delle altre regioni anatomiche, regioni che hanno una centralità , dal punto di vista sociale, anche piuttosto rilevante: le mani.

Molto spesso vediamo sui rotocalchi celebrità e personaggi di spicco che assieme  ad un volto disteso, una pelle liscia e lunare, a labbra piene ed adolescenziali, presentano delle mani scarne, scheletrizzate, macchiate, con vene e tendini visibili, nel migliore dei casi mascherate da guanti glamour: mani rivelatrici di età.

Perché l’attenzione che poniamo nella cura del viso non si riflette nella cura del dorso delle mani?

Probabilmente per la difficoltà di intervenire su un distretto anatomico così importante, così ricco di strutture nobili, così centrale ed esposto nella nostra soclialità, probabilmente perché é un distretto che non permette molte zone in cui nascondere eventuali cicatrici chirurgiche, o forse perché finora non c’erano a disposizione materiali compatibili per un trattamento adeguato.

L’invecchiamento del dorso della mano, come del resto l’invecchiamento in generale é legato a 2 fattori: fattori intrinseci e fattori estrinseci.

I fattori intrinseci sono fattori costituzionali legati alla genetica, alle risposte ormonali, dimagrimenti, sesso e razza e sono nello specifico responsabili della scheletrizzazione del dorso della mano: perdita di grasso, vene e tendini che diventano più evidenti.

I fattori estrinseci sono invece legati all’esposizione a fattori esterni quali esposizione al sole, fumo di sigaretta, esposizione a basse temperature, la nutrizione e nello specifico sono responsabili della secchezza cutanea, della rugosità e soprattutto della presenza di discormie (macchie).